Google Analytics

lunedì 27 febbraio 2017

Conservante a rischio allergia

Il nome è lungo, ma vale la pena di memorizzarlo: il metilisotiazolinone è un conservante utilizzato nei prodotti cosmetici e nei detersivi.

Nel 2013 ha meritato il titolo di "allergene da contatto dell'anno", secondo l'American Contact Dermatitits Society: è considerato la quinta causa più comune di allergia da conservante.

Inoltre è tossico per gli organismi acquatici e persistente nell'ambiente.

Nei cosmetici è indicato nella lista degli ingredienti (methylisothiazolinone), nei detersivi se c'è, è incluso nell'elenco dei conservanti. Se potete, evitatelo.

lunedì 20 febbraio 2017

Farmaci gastrointestinali a rischio

Rischio di disturbi neurologici - come tic nervosi, spasmi muscolari e contrazioni involontarie, con i farmaci a base di metoclopramide.


L'allerta è stato lanciato dall'Ema, l'Agenzia europea dei medicinali e riguarda i prodotti farmaceutici a base di metoclopramide, usati per problemi gastrointestinali (disturbi digestivi, nausea e vomito, compreso il vomito da chemioterapia). Ecco la lista di quelli in commercio in Italia: i dosaggi di principio attivo variano e alcuni medicinali necessitano di prescrizione medica, altri no.

Senza ricetta: Geffer, Digestivo S. Pellegrino, Delipramil, Isaprandil.

Con ricetta: Plasil, Randum, Migpriv.

lunedì 13 febbraio 2017

Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno

La sindrome dell’apnea ostruttiva del sonno (OSAS) è definita come una interruzione del flusso respiratorio della durata di almeno 10 secondi a causa della transitoria ostruzione delle vie aeree superiori (vestibolo nasale, nasofaringe, orofaringe, ipofaringe), in presenza di uno sforzo ventilatorio toracico ed addominale mantenuto per tutta la durata dell’episodio. Per ipopnea si intende invece una transitoria riduzione del flusso respiratorio tale da causare una significativa ipossiemia.
I criteri adottati per la definizione di ipopnea sono diversi.
Comunemente si considerano significative una riduzione del flusso ventilatorio superiore al 50% rispetto ai valori di base per una durata di almeno 10 secondi e/o una riduzione dell’ossiemoglobina superiore al 4%.
La sindrome delle apnee ostruttive del sonno (OSAS), è una condizione caratterizzata da 5 o più episodi di apnea per ogni ora di sonno (indice di apnea) o da un numero di apnee e ipopnee superiore a 10 episodi per ogni ora di sonno (indice di apnea/ipopnea).
Il disturbo è estremamente frequente dal momento che sembra riguardare dal 10 al 30% della popolazione.
I soggetti affetti da OSAS, a causa della cattiva qualità del sonno caratterizzato da russamento intermittente e frequenti risvegli, manifestano una serie di problemi in grado di interferire con la loro vita di relazione, quali la eccessiva sonnolenza diurna, la diminuzione delle performance lavorative, diminuizione della capacità di concentrazione.
Non mancano inoltre le problematiche di interesse neurologico.
Oltre alle frequenti cefalee mattutine, ai disturbi del tono dell’umore ed ai deficit cognitivi, caratterizzati essenzialmente da deficit di memoria, è stato ormai dimostrato che la sindrome delle apnee notturne rappresenta un fattore di rischio in- dipendente di ictus cerebrale.
Diversi studi hanno evidenziato che un elevato numero di pazienti con storia recente di ictus o attacco ischemico transitorio può presentare episodi di OSA.
Le varie ricerche riportate in letteratura sono sempre concordi nel dimostrare che le OSA sono significativamente più frequenti nei pazienti affetti da patologie cerebrovascolari rispetto a soggetti di controllo della stessa età e con fattori di rischio vascolare comparabili, indicando una prevalenza del disturbo tra il 62% e l’80%. In alcuni studi, è stato anche suggerito che la presenza di OSA possa avere un impatto negativo sulla prognosi funzionale a breve termine.

Maggiori informazioni sul sito dell'A.I.P.A.S.-ONLUS
buzzoole code

lunedì 6 febbraio 2017

Triangolo nero

Potresti aver già visto sui foglietti illustrativi di alcuni farmaci il nuovo simbolo recentemente introdotto dall'Agenzia europea dei medicinali (Ema), comparso proprio da quest'autunno: un triangolo nero rovesciato con una scritta: si tratta di farmaci a cui prestare particolare attenzione.


Tutti i farmaci che lo riportano - inseriti in un elenco completo che viene aggiornato ogni mese sul sito dell'Ema - hanno alcune caratteristiche in comune:
- contengono nuove sostanze
- sono disponibili solo pochi dati sulla loro sicurezza
- sono medicinali biologici, come ad esempio i vaccini.

Lo scopo di questo simbolo è di incoraggiare operatori sanitari e pazienti a segnalare sospette realizi avverse osservate con l'uso del medicinale, da tenere sotto più stretta sorveglianza, proprio perchè sono nuovi e i dati sono ancora pochi.