lunedì 6 marzo 2017

Mascherina in bici: quale?

Per chi pedala nel traffico, l'utilizzo di una mascherina davanti alla bocca, può essere consigliabile per impedire agli inquinanti - in particolare le micropolveri Pm10 e Pm2,5 – di penetrare nel nostro sistema respiratorio. Ecco come sceglierne una efficace.


In primo luogo, sono inutili quelle semplici "da chirurgo", fatte di tessuto-non tessuto, che servono in realtà a proteggere l'ambiente dalle emissioni di chi le indossa.

Nei negozi di bricolage oppure online si possono acquistare a poco prezzo mascherine filtranti marchiate EN 149, che in base all'efficienza filtrante sono divise in tre categorie: FFP1 (efficienza filtrante minima del 78%), FFP2 (92%) e FFP3 (98%).

Per chi si espone all'inquinamento per poche ore (per esempio per chi va al lavoro in bici (già le FFP1 vanno bene, mentre per chi sta tutto il giorno all'aperto nel traffico (per esempio i vigili) sono meglio le FFP2.

Le mascherine munite di valvola sono di aiuto a chi porta gli occhiali (ne evitano l'appannamento). La mascherina deve essere cambiata circa ogni settimana.

Nessun commento:

Posta un commento